Header

HausKonzerte

João Ventura live duo @Hauskonzerte - Taranto

11/01/2018

João Ventura live duo

João Ventura live duo @Hauskonzerte - Taranto

Pianista, cantante e compositore, João Ventura comincia a suonare il piano all’età di 5 anni. A 9 anni i suoi primi studi di musica erudita lo formano senza però distoglierlo da un forte attaccamento alla MPB (Música Popular Brasileira).
Consegue diplomi e master presso la UFBA (Universidade Federal de Bahia) e tutt’oggi studia per il dottorato in Portogallo.
Nella sua carriera João ha partecipato a diversi festival e concorsi Brasiliani vincendo premi, tra questi il primo posto al Sensação 2007. Nel 2011 lancia CONTRAPONTO, progetto caratterizzato dalla combinazione di ritmi e stili musicali differenti fini ad ottenerne una fusione.
La maggiore sfida per questo artista è lo sviluppo di una sonorità autentica, basata sulla combinazione tra la musica popolare e quella classica; il musicista vede l’universo della canzone come un territorio libero, senza preconcetti. In questo modo i suoi studi vengono messi in pratica causando una scomposizione e rifondazione dei brani.
CONTRAPONTO rompe i paradigmi, è audace, è nuovo, è vero. Ha simmetria, equilibrio e musicalità.
In sintesi João Ventura è un pianista che esige il massimo dallo strumento dando vita a sonorità inconfondibili.

Ad Hauskonzerte suonerò in duo con il batterista percussionista Rogério Pitomba – Baterista

http://www.joaoventura.com.br/
https://m.facebook.com/xilemamusica/

Ingresso riservato ai soli soci, posti limitati. 😉

KausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Gennaio 11, 2018

Doppelgänger @HausKonzerte

07/12/2017

Doppelgänger

Doppelgänger @HausKonzerte
DOPPELGÄNGER è il side project delle cantautrici CARLOT-TA e CECILIA.
In letteratura, il doppelgänger è un doppio, un alter ego, un’ombra spettrale. Ceciliae Carlot-ta hanno una presunta somiglianza e alcune caratteristiche in comune. Nascono entrambe in
Piemonte, a circa un anno di distanza, ma in due decadi diverse. Durante l’infanzia una chiede in regalo un’ARPA, l’altra riceve un PIANOFORTE. Sin dall’adolescenza scrivono canzoni e le
eseguono in pubblico. Dopo molti concerti e alcuni dischi pubblicati si incontrano e pensano che sarebbe divertente condividere per alcuni periodi un palco, una macchina, alcune canzoni. Inizia allora un tour di circa quaranta date in tutta Italia.
Nato come un live, oggi Doppelgänger è un progetto musicale vero e proprio e si nutre di canzoni scritte a quattro mani. Il 2017 vede infatti l’uscita di due brani inediti, prodotti da Raffaele Neda D’Anello per MeatBeat.

CANZONI PER LA STAGIONE FREDDA
Nei mesi più freddi Doppelgänger trova il suo habitat naturale e si inventa un canzoniere polare, anzi bi-polare. Il concerto, a dispetto delle leggi matematiche, è infatti un po’ doppio, un po’ a metà
e si costruisce su due set che si incrociano e si sovrappongono tra brani inedite e ardite interpretazioni. La scaletta prevede neve, animaletti artici, venti del nord e betulle, ma anche buio
pesto, luci di Natale e carole in tonalità minore: una calda pozione antigelo per superare l’inverno.

CECILIA | Voce, Arpa
CARLOT-TA | Voce, pianoforte, fisarmonica, chitarre

KausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Dicembre 07, 2017 0

Coma βerenices live @Hauskonzerte

21/10/2017

Coma βerenices live

Coma βerenices live @HauskonzerteComa Berenices è una piccola costellazione visibile nelle notti primaverili o estive quando il cielo non è inquinato. Secondo un’antica leggenda greca, si trova lassù da quando la regina Berenice fece voto solennedi consacrare ad Afrodite la sua bellissima chioma come pegno d’amore. Provenienti da esperienze musicali diverse, le giovanissime Antonella Bianco (Antonio Firmani & th 4th Rows, Mathì) e Daniela Capalbo (Ben Slavin) e influenzate da ascolti trasversali che spaziano dai Karate ai
Tampe Impala, dai Sophia ai Hiatus Kayote, decidono di intraprendere un pezzo di strada insieme all’inizio
del 2015, mischiando le sonorità acustiche di una Maton con lo shoegaze di una Telecaster e affidando il passo a melodie intime ed ipnotiche, accelerazioni e dilatazioni che – come fossero onde (“Waves” è il titolo di un loro brano) – accompagnano e caratterizzano la loro musica. Dopo un anno ricco di live in giro tra
Campania e Lazio, in formazione duo e in trio con Fabio Caliento alla batteria, in cui sono anche support band di Paolo Benvegnù, Comaneci, Platonick Dive, Dardust e Grimoon, a novembre 2015 iniziano le registrazioni per il loro primo lavoro discografico che uscirà ad aprile 2016. “Delight” è il titolo dell’EP contenente cinque tracce, idealmente tra loro legate da un filo rosso: il piacere profondo che non nasce dalla perfezione, ma al contrario da un fascino distratto, quel garbo selvaggio che ammaliava il poeta
Robert Herrick. Esattamente come nella vita – in cui troppa precisione è destinata a fallire – “Delight” mette in musica la meraviglia e l’incertezza che essa ci riserva e, attraverso una dichiarazione d’amore all’autenticità, prova a prendere un’assenza di armonia per trasformarla in bellezza.
Da Giugno 2016 in tour con Andrea DeFazio alla batteria.

Delight in Disorder
di Robert Herrick
A sweet disorder in the dress
Kindles in clothes a wantonness;
A lawn about the shoulders thrown
Into a fine distraction;
An erring lace, which here and there
Enthrals the crimson stomacher;
A cuff neglectful, and thereby
Ribands to flow confusedly;
A winning wave, deserving note,
In the tempestuous petticoat;
A careless shoe-string, in whose tie
I see a wild civility:
Do more bewitch me, than when art
Is too precise in every part.

HausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Ottobre 21, 2017 0

Livia Ferri live @Hauskonzerte

10/10/2017

Livia Ferri live

Livia Ferri live @Hauskonzerte
Livia Ferri è una cantautrice, scrive di vita e di relazioni, e le racconta con una chitarra acustica e un folk rock caldo, vibrante, dove si uniscono le influenze di voci e sonorità forti ed emozionali.
Canzoni che nascono voce e chitarra, e voce e chitarra vengono spesso portate sul palco, dove emerge la sua anima di ottima live performer.
Nata a Roma nel 1986, si diploma in Songwriting al Saint Louis College of Music di Roma nel 2011. Nel 2012 registra e realizza il suo album di debutto, “Taking Care”, prodotto da BlackBackCalico Records e M.I.L.K. e presentato nel Novembre 2012.
Durante il 2013 comincia la sua attività live e vengono prodotti 3 videoclip tratti da altrettanti brani di Taking Care: Hopefully, Cassius Clay e Pavlov. Arriva 4° in finale del Cornetto Summer of Music – Negramaro Contest 2013. Durante il 2013 entra nella band Thony e prende parte al “Birds Tour” alla chitarra acustica, ukulele e seconda voce. Nel Novembre 2013 si esibisce come opening act per Kaki King al Blackout di Roma e nel Febbraio 2014 per Emma Tricca al Lanificio 159. Nel 2015 parte A Path made by Walking, un percorso musicale fatto di un anno di uscite musicali presentato, fra gli altri, a Radio2 Social Club, King Kong Radio1, Casa Bertallot e MAPS. Vince il Roma Folk Contest e apre il Roma Folk Festival edizione 2014 al Lanificio159. Il 26 Gennaio 2015 è uscito “Hyperbole”, primo brano della tracklist del nuovo album “A Path made by Walking”; tutti i brani sono stati pubblicati con una cadenza di quarantacinque giorni, fino a novembre 2015. Il 12 Settembre 2015 opening act per MartaSuiTubi. Febbraio 2016: invitata da Red Ronnie a partecipare come ospite alla trasmissione Il Barone Rosso. Agosto 2016: selezionata per la partecipazione al DISORDER Fest di Eboli (21/8).

HausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Ottobre 10, 2017 0

Think About It live @Hauskonzerte sul terrazzo

01/07/2017

Think About It live @Hauskonzerte sul terrazzo

Think About It live @Hauskonzerte sul terrazzoI Think About It sono un collettivo Hip Hop nato a Bari nel 2013 con l’intento di fondere il genere principale con le radici personali di ognuno dei componenti e alla esperienza live di puro stampo Nu-Jazz/Soul. A giugno del 2014 pubblicano in maniera totalmente autoprodotta il loro primo EP, dal titolo “Sulle Grate”.
Da subito iniziano a prendere fiducia con il palco partecipando a numerosi contest come il Locus Talent 2014 di Locorotondo che permetterà loro di esibirsi al Meeting Delle Etichette Indipendenti dello stesso anno a Faenza.
I numerosi cambi di Line-Up avvenuti nel corso degli anni rendono i Think About It un collettivo più che una band vera e propria: una Crew unita dalla stessa idea e dalla stessa voglia di fare al servizio della musica.
Il loro primo LP, dal titolo “In Secondo Piano”, è stato pubblicato il 6 Maggio 2016 per Playbrown/Self ed è stato accompagnato da un tour di promozione di venticinque date in tutta Italia, permettendo al collettivo di prendere parte a numerosi Festival.

Ad Hauskonzerte suoneranno in quartetto.
Info: https://www.youtube.com/channel/UCIP6iZ08uKqfnfaOT0omKjw

Per informazioni di ogni genere e per prenotarsi, scrivere un messaggio privato alla pagina facebook Hauskonzerte Taranto o una email a: haukonzerte.taranto@gmail.com

KausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Luglio 01, 2017 0

MÈSA live @Hauskonzerte sul terrazzo

20/06/2017

MÈSA live @Hauskonzerte sul terrazzo

MÈSA live @Hauskonzerte sul terrazzo

MÈSA – cantautrice nasce a Roma nel 1991, con una buona dose di Sicilia nel sangue. Inizia a suonare la chitarra e a scrivere canzoni da bambina ascoltando i Nirvana, passando col tempo per il rock alternativo italiano fino allo sbarco sul pianeta Folk dove inizia ad apprezzare il sussurro e l’invito alla melodia. Si converte alla sua lingua soltanto a 23 anni perché capisce che per raccontare qualcosa c’è bisogno di una profonda amicizia con le parole. Dopo vari anni in band anglofone, si ritira per necessità a scrivere dei brani in italiano che raccontano il distacco, la resilienza e il desiderio di stanare un’altra occasione. Dopo aver suonato un anno in solitaria in giro per Roma e non solo, si trova una band (o la band trova lei?) e registra in studio in suo primo EP uscito a Gennaio 2017.

info: https://soundcloud.com/m-sa-446806290
https://youtu.be/Zg8tBI9nshQ

Posti limitati!
Per informazioni di ogni genere e per prenotarsi, scrivere un messaggio privato alla pagina facebook Hauskonzerte Taranto o una email a: hauskonzerte.taranto@gmail.com

HausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Giugno 20, 2017 0

Workshop di Oud con Elias Nardi e Darbouka con Emanuele Le Pera

23/05/2017

Workshop di Oud con Elias Nardi e Darbouka con Emanuele Le Pera

Workshop di Oud con Elias Nardi e Darbouka con Emanuele Le PeraWorkshop di Oud e Musica Araba.
Docente : Elias Nardi.

Il laboratorio si propone di affrontare gli aspetti tecnici del liuto mediorientale e la teoria del sistema musicale arabo.
Oltre a svolgere esercizi idonei a risolvere le problematiche della mano sinistra e della mano destra, con particolare attenzione all’uso della Risha (il particolare plettro per Oud) e delle varie tecniche atte ad ottenere una buona proiezione di suono contestualmente alla velocità di esecuzione, si affronteranno i principali Maqam, le scale modali che costituiscono l’intero sistema musicale arabo, il Maqamat. Si introdurranno i vari modi ed i loro intervalli dedicandoci anche alle tipiche variazioni microtonali (quarti di tono). A tal scopo si analizzeranno alcune composizioni del repertorio classico e di tradizione, compresi i lavori di grandi musicisti del passato quali Munir Bashir e Jamil Bey, ma si forniranno anche gli elementi per una visione più moderna e contaminata dello strumento in tutta la sua forza evocatrice. Il seminario è aperto a chi vuole esplorare il mondo dell’Oud ma anche ai musicisti che, pur suonando altri strumenti melodici, intendano affacciarsi allo studio delle scali modali tipiche di un antichissimo sistema musicale.

CORSO di DARBOUKA e TAMBURI A CORNICE
Docente: Emanuele Le Pera

Il corso è adatto a tutti: sia a chi non ha alcuna conoscenza musicale, sia a chi già suona qualche strumento. Questo tipo di programma è molto utile anche a chi studia e lavora con la danza araba.
PROGRAMMA
– storia della musica araba e ottomana
– primo approccio alla ritmica (tempo, battuta, battere e levare, pause)
– tecnica
– apprendimento dei ritmi attraverso lo sviluppo mnemonico
– elaborazione di composizione di ritmi
– ritmi del mondo arabo – approfondendo nello specifico le diverse scuole musicali:
quella siro egiziana (siria, egitto, palestina, libano e giordania); quella magrebina (marocco, algeria,tunisia e libia); quella iraqena (iraq, arabia saudita, kuwait e qatar) e i ritmi dell’area turca
EMANUELE LE PERA inizia lo studio delle percussioni alla fine degli anni ’90 con il maestro Lorenzo Gasperoni e approfondisce poi, nello specifico, le percussioni arabo-ottomane (DARBOUKA, RIQQ, FRAME DRUMS) con i maestri: Abdallah Mohammed, Ibrahim El Minyawi e Walid Hussein e quelle persiane (DAF e ZARB) con il maestro Mohssen Kasirossafar.
Dal 2003 svolge attività didattica attraverso corsi e specifici seminari presso diverse scuole (scuola di musica Sound di Pontassieve, scuola di musica La Maggiore di Perugia e le scuole di danza e musica Metiss’Art, Zagharid, Scuola Marina Nour, Totemaju).
Tiene inoltre lezioni-concerto in tutta l’Italia, in teatri, scuole, auditorium e conservatori. (Nel 2010/2011 presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano).
Ha suonato in Italia e in Europa, in teatri, festival e Live Radio Shows con diversi artisti, tra i quali: il cantautore Max Manfredi, il contrabbassista Ares Tavolazzi, il suonatore di oud Elias Nardi , il suonatore di viola d’amore a chiavi Didier François, il trombettista Franco Baggiani, l’armonicista Max De Aloe , il clarinettista Edmondo Romano, il cantante Aziz Riahi. Ha partecipato anche alle registrazioni di alcuni loro cd: “Luna Persa”-premio Tenco 2009 – M. Manfredi, “Orange Tree” – E.Nardi, 2010, “The Tarot Album” – E.Nardi, 2012, “Dune” – Sharg Uldusù 4tet, 2015.
Da molti anni collabora con diverse artiste della danza orientale e fusion, accompagnandole nelle loro esibizioni e nei seminari sui vari stili della ritmica e della danza. Tra queste: Malika Ferhat, Jamila Zaki, Francesca Pedretti, Marina Nour, Les Soeurs Tribales, Djivan Parvani, Ester D’Argenio, Suraya Hilal, Riikka Nykiri, Hania.

Il workshop durerà due ore (dalle 18 alle 20), il costo è di 20€.
Per info, scrivere un messaggio alla pagina di Hauskonzerte o una email a hauskonzerte.taranto@gmail.com.

HausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Maggio 23, 2017

Maëlys Live@HausKonzerte

12/05/2017

Maëlys Live@HausKonzerte

Maëlys Live@HausKonzerteMaëlys è sinergia. Nasce dalla voglia di dare uno sguardo fuori e di essere guardati : “Guardando la vita attraverso gli sguardi, sentendo la musica attraverso i dettagli”. Il principale obiettivo di Maëlys è comunicare la parte più introspettiva di se stessa; è uno scopo che si prefigge da quando, a 9 anni, ha scoperto quanto la musica facesse parte di sè, inconsciamente. Influenzata dalle sonorità di artisti come John Mayer, Frank Ocean e The XX, Maëlys si presenta con un electrosoul totalmente personale. Proprio con “Seigfried” di Frank Ocean Maëlys si presenta al pubblico, arrangiando il pezzo in chiave più elettronica ma senza perdere l’impronta calda e soul che contraddistingue la versione originale. La voce intima e calda di Maëlys si rivela la giusta componente per abbracciare l’elettronica e la chitarra creando un’atmosfera che viene continuamente stravolta all’interno della traccia.

Maëlys – Vocals
Claudio “Sup Nasa” La Rocca – Live Electronics
Stefano De Vivo – Guitar

Posti limitati!

HausKonzerte
corso Umberto I
Taranto

Maggio 12, 2017

Blindur live @HausKonzerte

30/04/2017

Blindur live

Blindur live @HausKonzerteI Blindur, reduci da uno dei loro frequenti tour europei e sempre in giro in Italia, sono di nuovo ospiti ad Hauskonzerte!
Hanno collezionato più di 150 concerti tra Italia, Belgio, Islanda, Francia, Germania e Irlanda, prendendo parte ad importanti festival internazionali, ad esempio il Body&Soul Festival a Westmeath e l’Airwaves festival a Reykjavik.
Il duo nato nella primavera del 2014 da Massimo De Vita, cantautore, polistrumentista e produttore, e Michelangelo Bencivenga, polistrumentista. Il sound del duo si ispira alle atmosfere del folk e del post rock, con un piede a Dublino e l’altro a Reykjavík. L’amore per il Nord Europa permea tutto il lavoro della band, a partire dalla scelta del nome, una parola islandese. Per i testi il riferimento è sicuramente da rintracciare nella tradizione e la poetica del cantautorato italiano, con un occhio più attento a quello moderno. Nonostante siano solo due i musicisti in scena, il suono è ricco e articolato e l’ampio set up (chitarre acustiche ed elettriche; banjo; glockenspiel; effettistica ed elettronica minimale; cassa, rullante e tamburello, il tutto rigorosamente a pedale) contribuisce a dare la sensazione di stare ascoltando una band composta da più elementi. Il trucco è semplicemente godersi il tutto ad occhi chiusi. La band ha vinto l’edizione 2014 del premio Donida, il premio Muovi la Musica 2014, il premio Nuova Musica Italiana 2015, il premio Pierangelo Bertoli 2015; il premio Fabrizio De Andrè 2015, il premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred” 2016 e il premio Tempesta Dischi sempre nell’ambito dell’edizione 2016 di “Sotto il cielo di Fred”; nel 2016 Blindur riceve il premio Discodays giovani nell’ambito della diciassettesima fiera del disco di Napoli. Inoltre la band è tra i 16 finalisti per l’edizione 2016 di Musicultura e tra i 9 finalisti per Musica da bere 2016.
Nel 2016 Blindur è inoltre tra le 10 band rivelazioni dell’anno secondo la rivista Keepon.
Ha aperto i concerti di numerosi artisti del panorama indipendente italiano come Tre allegri ragazzi morti, Dellera, Dimartino, Giorgio Canali e Rossofuoco, Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Il disordine delle cose, Iosonouncane, Dente, Nobraino, Bandabardò, Sick Tamburo, Calcutta, The Zen Circus.

Blindur ha collaborato in ambito internazionale con artisti irlandesi come Johnny Rayge, con il quale ha realizzato un mini tour di 11 date in Italia nel novembre 2014; ha condiviso il palco con il poeta e cantautore canadese Barzin nella data napoletana del suo ultimo tour europeo; ha inoltre lavorato con Birgir Birgisson, storico fonico e produttore di Sigur Ros e non solo.
A gennaio 2017, uscirà “Blindur”, il primo disco, pubblicato da La Tempe

HausKonzerte
corso Umberto
Taranto

Aprile 30, 2017

Workshop di percussioni brasiliane con Felipe Bastos @HausKonzerte

23/04/2017

Workshop di percussioni brasiliane con Felipe Bastos

Workshop di percussioni brasiliane con Felipe Bastos @HausKonzerteLe percussioni brasiliane, portatili ed estremamente versatili, nelle mani di chi le sa suonare, possono riprodurre praticamente qualsiasi ritmo. Samba, Maracatu, Partido Alto, Xote, Xaxado, Baião, Choro, Arrasta pé, Coco per citarne alcuni. Il workshop, della durata di 2 ore, è indirizzato ad alunni di tutti i livelli, dai principianti ai più esperti. Saranno studiate le tecniche per eseguire differenti ritmi brasiliani e di altre parti del mondo.

Felipe Bastos è un batterista e percussionista brasiliano, diplomato nell’Università Federale del Minas Gerais è specializzato in ritmi brasiliani. Ha collaborato con diversi musicisti brasiliani e non.
Attualmente suona in duo con il cantante compositore Momo e col chitarrista Leo Eymard.

Il workshop inizierà alle 17.00 e finirà alle 19.00
Posti limitati
Costo: 12€
Inscrizioni : hauskonzerte.taranto@gmail.com o scrivendo un messaggio alla pagina facebook: Haukonzerte Taranto

HouseKonzerte
corso Umberto
Taranto

Aprile 23, 2017

Loading